FacebookFacebookTwitterTwitterPinterestPinterest

Lacryma Christi Bianco d.o.c. del Vesuvio

 
 

"Torna 'a Surriento"

 

Musica e vino, eccellenze all'ombra del Vesuvio.

Colore: giallo paglierino più o meno carico, con riflessi dorati;

Profumo: gradevolmente vinoso, di un profumo intenso che ricorda le ginestre vesuviane con un trionfo di tonalità fruttate che vanno dalla mela cotogna, molto matura, a note di ananas, banana e pesca gialla.

Sapore: secco e leggermente acidulo, ben strutturato, con un’aroma fruttato-floreale di notevole persistenza aromatica.

Vitigni: coda di volpe bianca e verdeca (min 80 %), falanghina e greco (max 20 %).

Gradazione alcolica: minimo 13 % vol.

Produzione: massimo 80 qli/ha, con una resa alla vinificazione non superiore al 65%.

Degustazione: il lacryma christi del vesuvio va servito a 10-12° C in calici di moderata ampiezza.

Accostamenti: a cospetto della sua elevata alcolicità il gusto morbido lo rende piacevole in particolar modo se accostato a sautè di vongole, crostacei, zuppa di pesce, risotto spigola e asparagi, verdure con formaggi freschi ed alla gustosa "impepata di cozze", tortini di ricotta profumati alle erbe.